468 scuole emiliane hanno già aderito alla biblioteca digitale “readER”

#ReadyToPlay

4 Febbraio 2022 ITALPRESS 0
468 scuole emiliane hanno già aderito alla biblioteca digitale “readER”

BOLOGNA (ITALPRESS) – In Emilia-Romagna 468 le scuole che hanno aderito a ‘readER’, la biblioteca digitale che consente a studenti, docenti, personale scolastico di accedere liberamente, 24 ore su 24, per sette giorni su sette, complessivamente a 70 mila libri (ebook) e 7 mila giornali, quotidiani e periodici di tutto il mondo oltre a 2 milioni di Open Educational Resources (OER), cioè materiali audio, immagini, video per l’insegnamento, l’apprendimento e la ricerca rilasciati in pubblico dominio o con licenza aperta.
Un progetto unico nel Paese – finanziato dalla Regione e attivato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna – per le scuole primarie e secondarie di I e II grado, statali e paritarie. I primi mesi dall’avvio del progetto (novembre 2021) hanno fatto registrare numeri importanti: oltre 171mila utenti singoli registrati dalle scuole hanno effettuato nella piattaforma quasi 29mila transazioni, di cui quasi 8mila prestiti di ebook. L’impatto sui numeri precedentemente registrati dal servizio di biblioteca digitale è esponenziale.
Anche a partire da questi dati la Regione ha iniziato una campagna di comunicazione (“Qui si legge!”) che già da questi giorni e nelle prossime settimane promuove readER sulla stampa, le testate web, i social network e con affissioni pubbliche, per coinvolgere più ragazze e ragazzi possibile, dando loro questa nuova opportunità di lettura. Campagna che rimanda a un portale dedicato dove si trovano tutte le informazioni per aderire.
“E’ in atto una rivoluzione, che mette al centro del sistema il lettore- afferma l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori- i giovani in particolare, che ben sapranno come profittare delle biblioteche digitali, di accesso più veloce, con una disponibilità di testi enormemente più larga. E’ come se il lettore avesse sulla propria scrivania, contemporaneamente, tutte le fonti, e potesse usarle contemporaneamente”.
(ITALPRESS).