Audi A1 citycarver, sportività e versatilità

#ReadyToPlay

16 Aprile 2020 ITALPRESS 0
Audi A1 citycarver, sportività e versatilità

L’agilità di una berlina compatta, la versatilità di un crossover e il look grintoso di un’off-road: Audi A1 citycarver s’ispira esteticamente ai modelli della gamma Audi Q e grazie all’assetto dedicato è a proprio agio in qualsiasi ambito, spaziando dalla città alle strade di campagna, dall’autostrada ai facili sterrati. Ora, grazie al debutto a listino della versione 1.5 (35) TFSI 150 CV, il crossover metropolitano dei quattro anelli può contare su di un’iniezione aggiuntiva di sportività ed efficienza. Proposto in abbinamento al cambio manuale a 6 marce o alla trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti, in entrambi i casi garantisce uno scatto da 0 a 100 km/h in 8,2 secondi e una velocità massima di 220 km/h. All’efficienza del 1.5 TFSI contribuisce in modo sostanziale il sistema cylinder on demand (COD): ai carichi medi e ridotti, gli attuatori sull’albero a camme disattivano il secondo e terzo cilindro, chiudendo le valvole di aspirazione e di scarico. La gestione elettronica del motore disattiva l’accensione e l’iniezione. Equipaggiata con il cambio manuale, è accreditata di consumi nel ciclo combinato WLTP di 6,2 – 6,5 litri ogni 100 chilometri a fronte di emissioni di CO2 di 141 – 148 grammi/km, mentre con la trasmissione S tronic fa registrare valori pari a, rispettivamente, 6,4 – 6,7 litri/100 km e 145 – 151 grammi/km. Analogamente al resto della gamma Audi A1 citycarver, può contare su di un assetto rialzato di 40 millimetri. Una caratteristica che favorisce l’accessibilità e porta in dote una posizione di guida dominante. All’incremento della luce libera da terra contribuiscono le sospensioni dall’escursione maggiorata di 35 mm e gli pneumatici dalla spalla più generosa. Il comfort che viene ulteriormente rafforzato qualora si scelga il pack Assetto regolabile citycarver. Il pacchetto include i dischi freno con pinze verniciate in rosso, il sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, il sound actuator e gli ammortizzatori regolabili. L’Audi drive select, nel dettaglio, prevede quattro programmi di guida – auto, dynamic, efficiency e individual – ed è offerto anche quale optional a sé stante. Alla configurazione entry level degli interni si affiancano gli allestimenti progressive, design selection ed S line. Il sistema d’infotainment all’avanguardia e l’estesa connettività rendono Audi A1 citycarver “nativa digitale”. Una caratteristica rafforzata dal quadro strumenti privo d’indicatori analogici e, al top della gamma, dall’Audi virtual cockpit e dal sistema di navigazione MMI plus. Audi A1 citycarver 1.5 TFSI è disponibile nelle configurazioni d’ingresso, Admired e Identity contrast. La variante Admired, nello specifico, spicca per completezza in quanto, a fronte di un sovrapprezzo di 750 euro rispetto all’allestimento entry level, prevede i cerchi in lega da 17″, il climatizzatore automatico, il sistema di ausilio al parcheggio, gli interni in look alluminio, i retrovisori esterni ripiegabili, il volante multifunzione in pelle plus e l’Audi smartphone interface. Nella versione Identity contrast che valorizza l’alternanza delle tonalità del grigio e del nero, alle dotazioni della versione Admired si aggiungono elementi caratterizzanti quali i cerchi in lega da 18″ con design a 5 razze in grigio a contrasto, parzialmente lucidi, il tetto e le calotte dei retrovisori laterali a contrasto e, infine, il look nero. Audi A1 citycarver è disponibile con prezzi da 27.450 euro per la versione con cambio manuale e da 29.300 euro per la variante con trasmissione S tronic.
(ITALPRESS).

L’articolo Audi A1 citycarver, sportività e versatilità proviene da Italpress.