Mondiale Club al Bayern Monaco, 1-0 al Tigres

#ReadyToPlay

12 Febbraio 2021 ITALPRESS 0
Mondiale Club al Bayern Monaco, 1-0 al Tigres

AL RAYYAN (QATAR) (ITALPRESS) – Il Bayern Monaco fa bottino pieno e in Qatar chiude il cerchio con il sesto trofeo negli ultimi dodici mesi, una stagione da record. Nella finale del Mondiale per club di scena all’Education City Stadium di Al Rayyan, i bavaresi rispettano il pronostico contro i messicani del Tigres grazie all’1-0 con il gol vittoria firmato da Pavard. Nonostante le assenze di Muller (positivo al coronavirus) e Boateng (di ritorno in Germania per la morte della sua ex fidanzata), la superiorità dei campioni d’Europa resta evidente. I messicani, dopo un primo assalto a 25 secondi dall’inizio del match, sono costretti a serrare le fila per evitare le folate offensive degli avversari. Al 18′ Kimmich infila all’angolino dal limite ma il fischietto uruguagio Ostojich annulla al Var giudicando attiva la posizione di Lewandowski sulla traiettoria di tiro. Il Bayern sfonda con facilità a sinistra con la velocità di Davies, il Tigres si ricompatta ma rischia di andar sotto al 33′ con una duplice ingenuità: prima Reyes concede un corner perdendo palla in disimpegno poi, sulla battuta rapida, Sanè colpisce indisturbato ma pizzica l’incrocio dei pali.
Il Bayern trova comunque il vantaggio nella ripresa, questa volta con il Var a favore: Pavard insacca a porta sguarnita ma per il guardalinee c’era fuorigioco di Lewandowski sul cross precedente. Dopo un lungo check, però, questa volta gli uomini di Flick possono festeggiare la rete dell’1-0. Nel finale, i tedeschi cambiano l’intero fronte offensivo con gli ingressi di Choupo-Moting, Douglas Costa e il classe 2003 Musiala, ma è Tolisso ad andare a un passo dal raddoppio: all’80’ il francese calcia da fuori, Guzman non trattiene ma viene salvato dal palo. Il portiere del Tigres rischia di combinarla grossa anche sul retropassaggio di Salcedo fermato sulla linea, ma la sostanza non cambia: il Bayern si laurea campione del mondo per la quarta volta nella sua storia.
(ITALPRESS).